Waimer era ogni anno più infuriato. Ricordava i tempi in cui i campionati finivano prima, un po’ per differenze di calendari e un po’ perchè le bolognesi erano a spasso già a fine maggio. E malediceva chiunque potesse essere, ai suoi occhi, il colpevole di una stagione cestistica finita il 20 giugno: le sue finanze ne avevano risentito eccome. In realtà, il tifoso biancoblu si era spiaggiato da una decina di giorni: in semi incognito, perchè non sapeva come commentare la propria annata, perchè non voleva guardare la finale (ti ho Fatto tifare Trieste, lo sberleffo striscionico virtussino). E perchè il bagnino lo detestava.

Waimer – Senti. A me freguntubo delle vostre cose. Di come mezzo mondo Fortitudo stia criticando il nuovo americano senza averlo mai visto. Di come con l’arrivo di Amici (nomen non omen) sarete la squadra simpatia del prossimo anno. O di come abbiate vissuto i successi dei cugini. Ma mi spieghi perchè il vostro allenatore ce l’ha con Cervia? Perchè lui al mare non ci è mai andato? Poteva tuonare contro la sua Parenzo, contro Viserba, contro chi gli pare. Ma perchè contro di me?

Piccy – Secondo me è perchè non ha mai giocato a basket al Fantini con Jack Bonora. Hai presente la volpe e l’uva? Comunque lascia perdere. Perchè, con semplice spirito critico, vorrei capire cosa è mancato a noi che quegli altri avevano.

Waimer – Vuoi un giudizio da esterno? Loro hanno lavorato con calma, sottotraccia e con due cose che a voi sono mancate. Tranquillità e umiltà. Perchè da voi ogni cosa è un dramma, tutto viene accentuato ed esagerato. Io spesso non leggevo di basket, cercando notizie di voi: no. C’erano pois, canotti, tensostrutture, daspo, invasori non trovati, inni nazionali. Ecco, quante volte in Virtus sono andati in cronaca per faccende extrasportive? Poca roba. E vivere in un ambiente sereno aiuta. Da loro c’è stato silenzio. Da voi tanto entusiasmo ma anche confusione, e alla fine si paga. So che non è il tuo cantante preferito in quanto bianconero. Ma quello che diceva l’impresa eccezionale è essere normale mi sa che si riferiva a voi.

Piccy – È tua opinione. Ma forse anche quello che ci rende unici. Più che una squadra, giusto? Con pro e contro, annessi e connessi.

Waimer – E Porcellini Rosa al seguito. Leggevo pure io i report delle conferenze… e mi chiedevo se in Virtus i Porcellini non ci fossero, o fossero ignorati. Ma ora? A cosa puntate? Sai, gli haters dicono che il vostro obiettivo prossimo è la ri-retrocessione Virtus.

Piccy – Io guardo in casa mia. Vedo squadra da ricostruire, forse anche perchè l'”utopia” non porta a promozioni. Saluto Candi che è cresciuto più di quanto non siamo cresciuti noi, e aspetto. Non saremo squadra simpatia, ma vorrei qualche vittoria.

Nel frattempo, fragorosamente arrivò il tifoso virtussino. Ancora vittima delle libagioni per i festeggiamenti, non disse nulla, ma si sdraiò di peso sul suo lettino, bofonchiò qualcosa sulla Virtus che vince sempre, e si addormentò. Russando in livornese.

BolognaBasket.it © 2000 - 2015 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica riservata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: