La Virtus è sul mercato in cerca del suo pivot titolare, dopo la bocciatura di Shane Lawal per motivi fisici. In questi giorni ai bianconeri vengono proposti tanti giocatori, anche perchè la disponibilità economica (400mila dollari) è nota, ma la società non sembra avere fretta, e intende prendere il giocatore giusto al giusto prezzo. Dei nomi usciti in questi giorni Colton Iverson – che vuole una squadra che faccia le coppe – sembra uscito dai radar, mentre restano caldi quello di Joey Dorsey, dell’ex Clippers Alex Stepheson e di Henry Sims, che sulla carta e con tutte le incognite del caso (sarebbe esordiente in Europa) per talento e pedigree sembra un giocatore fuori categoria per il campionato italiano.
I nomi comunque sono tanti, e non è detto che il prescelto alla fine sarà uno di questi tre. Come nel caso di Lafayette potrebbe arrivare una trattativa veloce e un blitz su un giocatore diverso. Una volta preso il pivot, la società farà le sue considerazioni tecniche e si capirà se prendere anche il numero quattro (probabilmente sì) e che tipo di giocatore cercare.
In tutto questo i tempi si allungheranno un po’, per cui è molto probabile che al raduno di giovedì 17 agosto la Virtus si presenterà con il roster attuale, escluso Pietro Aradori impegnato con la Nazionale. Ci saranno quindi i fratelli Gentile, Klaudio Ndoja, Guido Rosselli, Kenny Lawson, Michael Umeh e Oliver Lafayette.

BolognaBasket.it © 2000 - 2015 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica riservata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: