Il DS della Fortitudo Davide Lamma è stato intervistato dal Resto del Carlino.
Ecco le sue parole:

Usciamo dalla partita di venerdì sera con tante certezze, in primo luogo perchè abbiamo giocato da Fortitudo, e poi per la qualità della pallacanestro. Quando si perde di un punto e dopo un tempo supplementare è questione di un canestro che entra o che esce, ma i ragazzi sono stati attaccati alla partita fino alla fine. Se avessimo avuto questo atteggiamento anche a Imola e a Piacenza e con Udine avremmo portato a casa quelle partite.

Rammarico per non averlo giocato? Sì, ho avuto nostalgia del mio essere stato un giocatore. Disputare una partita del genere davanti a 9000 persone è un’esperienza unica, un’occasione molto rara in qualsiasi tipo di carriera.

Avrei preferito rigiocare subito? Ho sempre pensato che questi siano discorsi che lasciano il tempo che trovano, così come il fatto che la Virtus abbia avuto più tempo per preparare la partita e noi solo un paio di giorni. Credo che una squadra che voglia andare lontano debba essere preparata a dare il massimo sempre. Noi sappiamo di poter giocare come abbiamo fatto nel derby, da qui alla fine dobbiamo presentarci con questo atteggiamento.

Boniciolli si è lamentato del clima di scetticismo sui social network? Nell’era digitale dobbiamo abituarci all’idea che i social hanno sostituito i bar e che le chiacchiere da bar si sono trasformate in chiacchiere da social. Ogni tanto mi riferiscono che sul web ci viene suggerito un giocatore piuttosto che un altro. Ho rispetto delle opinioni altrui, anche quando non le condivido, ma vorrei che la stessa considerazione per il nostro lavoro. Ci sono tante variabili che all’esterno non si conoscono, non sforare un budget che ti è stato affidato, ai programmi che una società si è data per arrivare a come la squadra si allena e lavora durante la settimana. Sono aspetti importanti che spesso non emergono nella loro realtà e che sono sotto la responsabilità di chi dirige la società. Le chiacchiere non ci devono interessare, noi siamo chiamati a fare in modo che tutto funzioni nel miglior modo possibile.

Io e Politi andremo a Kaunas a vedere l’Adidas Next Generation? Andiamo a visionare quattro delle migliori squadre under 18 d’Europa. Per noi, che abbiamo intenzione di continuare a investire sul settore giovanile, è un momento importante per capire il livello dei migliori giovani e le metodologie di lavoro con loro.

Boniciolli e Muratori parlano di due innesti? Le trattative sono ben avviate, ma per portarle a compimento occorre che diverse situazioni si incastrino. Fino al 23 gennaio noi non possiamo tesserare nessuno, così come altre società sono ferme. E’ un mosaico che si deve comporre, appena ci saranno le condizioni noi chiuderemo quanto abbiamo avviato.

BolognaBasket.it © 2000 - 2015 Tutti i diritti riservati

Testata giornalistica riservata presso Tribunale di Bologna, decreto 8225 del 03/02/2012

e-mail: redazione@bolognabasket.it

Privacy e Cookie Policy | Sito Web realizzato da: beltenis.it | Feed RSS: